Esperimenti naturali di storia

cop.jpgJared Diamond, James Robinson

Esperimenti naturali di storia

Ed.: Codice, 2011

Prezzo di copertina: € 27,00

Le librerie sono piene di testi divulgativi che cercano di rendere le scienze esatte interessanti. Quello che mancava era un serio tentativo di rendere le materie umanistiche noiose, e questo libro è il risultato di uno sforzo appassionato per colmare la lacuna.

E dire che l’idea non sarebbe male: si prende una popolazione umana omogenea e si giocano scherzi essenzialmente di due tipi. Primo: si sparge la popolazione campione in ambienti diversi (questo è di gran lunga il sistema più convincente). Secondo: si sottopone una parte della popolazione ad una influenza esterna (commercio, invasione, dominazione, più dannosa è, meglio è), l’altra no. E si guarda di nascosto l’effetto che fa.

Non avendo subito sotto mano quel milioncino di volontari necessari, i nostri autori sono costretti a ricorrere ad “esperimenti naturali” ovvero scegliere circostanze storiche particolarmente adatte allo studio di un determinato fenomeno che intendono esaminare. Trovate le quali, il gran divertimento è costituito dall’assemblare paginate di grafici costruiti su parametri abbastanza arbitrari e giungere a conclusioni che puzzano tanto di predeterminazione. E rendere cosi le tendenze storiche matematicamente rappresentabili.

Se le cose fossero cosi semplici, cari miei, state pur certi che ci avrebbe già pensato qualcun altro. Discreto lo spunto. Ma serve tanto, tanto, lavoro descrittivo in più e tanta, tanta presunzione in meno per rendere il lavoro digeribile.

PS: comunicazione personale per il Prof. Jared Diamond. Non maltratti noi devoti sostenitori del suo lavoro, che teniamo il suo poster appeso nelle nostre camerette, firmando un libro che sarà anche figlio di un suo progetto, ma di cui non ha scritto più di venti pagine, qundici delle quali scopiazzate da “collasso”! 

 

Esperimenti naturali di storiaultima modifica: 2011-10-25T18:44:00+02:00da gasmulo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento