Placido Don

image_book.jpgMichail Aleksandrovič Šolochov

Il Placido Don

Ed.: UTET, 1979

Prezzo di copertina: 23,20

Nel piccolo villaggio cosacco sulle rive del Don, la vita scorre quieta e serena dalla notte dei tempi. Gli uomini vanno in guerra e fanno le corse con i cavalli, le donne lavorano come schiave e prendono un sacco di botte. L’atmosfera idilliaca non è turbata nemmeno dalle intricate vicende sentimentali del villaggio. In questo mondo arcadico ogni singola relazione sessuale non fa che confermare un’eterna verità a tutti nota: gli uomini sono dei ganzi, le donne delle troie. Tutto sembra trascorrere quieto e lieto come sempre, quand’ecco… che UTET (senza nessun preavviso o avvertimento) decide che basta cosi. Chi vuole sapere come continua il romanzo se lo vada a leggere nell’originale russo, o resti con la curiosità. Pessimi.

L’Ultimo Sultano

cop.jpgRiccardo Mandelli

L’Ultimo Sultano Come l’impero ottomano morì a San Remo

Ed.: Lindau, 2011

Prezzo di copertina: € 24,50

Uno dei fenomeni storici più interessanti è la costruzione di un personaggio pubblico. Quel curioso processo che porta il comune mortale a proiettare la propria immagine più o meno trasfigurata nell’immaginario di una vasta platea. Ma più ancora interessante è la distruzione del personaggio pubblico. L’aura di leggenda che ha ricoperto, difeso e soffocato l’uomo per anni improvvisamente, sotto i colpi degli eventi, si sfalda. E da questo grandioso naufragio riemerge l’individuo, con le sue piccinerie, i suoi modesti sentimenti, le sue umanissime aspirazioni. Alcuni si oppongono al processo, altri lo assecondano quasi con voluttà. Ma alla fine, rotta la corazza dorata, del Grande Imperatore o del Dittatore Leggendario, rimane una larva indifesa che ama i libri gialli, ha mal di denti e magari si innamora della segretaria. Una larva che di solito, va detto, soccombe sotto i colpi di un passato troppo più grande di lei.

A questo aggiungeteci un po’ di spezia orientale che non guasta mai, la primavera Europea precocemente stroncata degli anni venti, sinistre trame politiche e internazionali: molto di più di quanto fosse lecito aspettarsi da Riccardo Mandelli: insegnante di scuola superiore, conosce il mondo turco per aver lavorato negli uffici immigrazione tedeschi (dice la biografia in copertina): bravo!

Storia dell’Impero Russo

SETON%20-WATSON%20-%20STORIA%20DELL'IMPERO%20RUSSO.jpg

Hugh Seton Watson

Storia dell’Impero Russo

Ed.: Einaudi, 1971

Prezzo di copertina: fuori catalogo, rinvenibile sul mercato dell’usato ad € 60,00

C’è un po’ l’abitudine degli inglesi della scorsa generazione di vedere la storia dell’umanità come un lungo, doloroso (e spesso vano)  tentativo di assomigliare più possibile all’Inghilterra. Ma al netto di questa impostazione discutibile (almeno sotto il profilo gastronomico) troverete tantissimo lavoro, tantissima compentenza, tantissima serietà, zero prosopea. Non esistono sul mercato italiano libri di storia russa anche solo lontanamente paragonabili.