I Carri Avanzano All’Ovest

!CDLHITwB2k~$(KGrHqN,!jcE0C6ZqCdOBNNqjOW4vQ~~_12.jpg

Nikolai Popel

I carri avanzano all’ovest

Ed.: Garzanti, 1962

Reperibile sul mercato dell’usato per € 14,00

Ammettiamolo: uno che si mette a leggere le memorie del comandante della prima armata corazzata sovietica (il periodo trattato è dall’inverno 1942 all’inverno 1944) esprime un livello di disagio mentale non indifferente. Tanto più che la narrazione è frammentaria, senza brio, e nemmeno tanto coinvolgente. C’è di buono (per i fanatici dell’argomento) un punto di vista insolito per la nostra storiografia. L’espressione di una mentalità semplice che si rapporta senza retropensieri ad un grande evento storico. L’affresco suggestivo degli scontri colossali fra mostri d’acciaio, primo fra tutti Kursk. Ma, intendiamoci: i posti dove dovremmo stare noi che ci sorbiamo 400 pagine cosi sono stati aboliti dalla legge Basaglia.

Senza Tregua – Brigate Rosse Una Storia Italiana

mini_SenzaTregua.jpgGiovanni Pesce

Senza Tregua

Ed.: Feltrinelli, 1967 Rist. 2005

Prezzo di copertina: € 8,50

moretti.jpg

Mario Moretti, Carla Mosca, Rossana Rossanda

Brigate Rosse – Una Storia Italiana

Ed.: Dalai, 2002

Prezzo di copertina: € 10,90

Va bene, lo so. L’accostamento è irrituale, quasi iconoclasta. Ma è impossibile, per chi abbia letto i due libri, evitare corto circuiti. La vita in clandestinità, la guerriglia urbana, la sensazione disperante di essere soli unita alla esaltante convinzione di aprire la strada al riscatto di un’intera nazione. La politica che condiziona, che assorbe, l’intera vita, compresi gli affetti e le amicizie. E del resto lo dice anche Moretti: all’inizio ci ispirarono i racconti dei gappisti.

La verità è che i due eventi (la resistenza e il terrorismo) che nel nostro immaginario politico rappresentano il Bene e il Male, abitano nella stessa strada,  a pochi numeri civici di distanza. A noi l’arduo compito di segnare un confine. Perchè, è vero, la democrazia cristiana non era la X MAS, e l’alleato atlantico non era la Germania nazista, ma c’era Piazza Fontana, c’era il Vietnam. Alla fine l’unica conclusione possibile è che l’errore brigatista fu un errore di analisi dei flussi della storia, un letale sbaglio nella stima delle possibilità di successo.

E poi alla fine c’è Visone, il partigiano semplice e dall’analisi rozza ma vera che aveva combattuto a viso aperto in Spagna, e Mario Borghi, straziato dai sensi di colpa, la “sfinge Moretti”, enigmatico, freddo, abituato a giocare su troppi tavoli. E il semplice confronto fra questi due uomini ci dice che forse è ancora possibile distinguere ciò che è giusto da ciò che non lo è.

La Crociata dei Fanciulli

9788809748903g.jpg

Franco Cardini, Domenico Del Nero

La Crociata dei Fanciulli

Ed. Giunti, 1999

Prezzo di copertina: € 10,00

Il fatto storico si racconta in due modi: si parte da Enea scendendo giù giù fino a Sandro Bondi, oppure si sceglie una data rilevante, o un evento interessante, e li si contestualizza. Ad esempio, a me piace il 1260, che secondo Gioacchino da Fiore avrebbe portato la fine del mondo. A Parigi, insegna niente meno che San Tommaso, sotto il regno di Luigi IX (che dieci anni dopo morirà a Tunisi). I Mamelucchi fermano ad Ain Jalut i Mongoli, che due anni prima hanno raso al suolo Baghdad. Chi ama Dante sa che a Montaperti i ghibellini di Farinata vincono a mani basse. Lui si oppone alla distruzione di Firenze, ma questo non lo salva dalla tomba infuocata. Un paio d’anni dopo Michele VIII Paleologo riconquista Costantinopoli buttando a mare i perfidi latini. Anche i ragazzi del Regno Cristiano di Gerusalemme, ridotto ai paraggi di Acri, si chiedono chi gliel’abbia fatta fare. E così via. Il gioco vi piace? Giocatelo con Cardini e Del Nero che, avendo più scienza (e più spazio) di me lo conducono con talento e leggerezza.

 

La civiltà dell’Occidente medievale

9788806154196g.jpg

Jacques Le Goff

La civiltà dell’Occidente medievale

P. Ed.: 1964, Ed: Einaudi, 1991

Prezzo di copertina: € 27,00

Il furbo Le Goff ci promette il Medioevo ma in realtà ci racconta tre secoli scarsi: dall’undicesimo al tredicesimo. Ma sappiamo che un libro non è un biglietto ferroviario per Milano Centrale, e quindi siamo disposti a riconoscere i meriti che hanno fatto di questo un grande classico. Il simpatico ciccione ci prende per mano e ci guida come bambini alla scoperta della vita quotidiana dell’umile, del nobile e del chierico; ci mostra cosa pensavano (e sopratutto, come pensavano) i nostri antenati, senza nasconderci una evidente verità: la vita a quel tempo era un’unica, interminabile, seduta dal dentista. Indegna l’edizione Einaudi del 1991 (sopratutto considerando il prezzo). La caccia nei mercatini per l’edizione del 1981 è ufficialmente aperta. Mundus senescit.